I monti reatini sconosciuti, o quasi ...

Il monte Tilia e monte Corno


Con un ampio giro questa escursione consente di salire su diverse cime per così dire “minori” dei Monti Reatini - Monte Tilia, Monte Corno e Collelungo - attraversando ambienti caratteristici e sempre molto panoramici. Il punto di partenza è il piccolo spiazzo che si trova proprio sopra la brevissima galleria lungo la strada regionale 521 poco prima di arrivare a Leonessa (località la Forca sulla carta), e poichè avevamo a disposizione due auto ne abbiamo lasciata una in corrispondenza della casa cantoniera che si trova un po’ prima della galleria così da risparmiarci al ritorno un paio di chilometri di strada asfaltata. Il precorso si svolge lungo i sentieri “424” e “415” e dovrebbe essere quasi tutto evidenziato dai segnavia che oggi, per via della neve, abbiamo però individuato solo nell’ultimo tratto di discesa dal Collelungo alla casa cantoniera. Non ci sono comunque particolari problemi di orientamento dal momento che la prima meta, il Monte Tilia la cui cima è caratterizzata da un grosso ripetitore, è ben visibile fino dai primi passi ed a parte qualche breve tratto nel bosco fa da bussola per tutta la fase di avvicinamento. Ci si avvia lungo una strada sterrata che si lascia ben presto per percorrere in salita costante il versante ovest del Monte Tilia fino a raggiungerne la base che si aggira verso sud per poi puntare direttamente alla cui cima che si raggiunge con un ultimo tratto in pendenza un pò più accentuata. In realtà più che una cima quella del Tilia consiste in un vasto pianoro sul quale sono disseminati alcuni manufatti residui di un vecchio impianto di risalita in abbandono, oltre appunto all’imponente tabellone; nonostante la ferraglia sparsa qua e la il posto è interessante e dalla cima il panorama è sorprendentemente ampio: verso il Terminillo anzitutto, che incombe all’orizzonte, ma con il cielo limpido dal Monte Tilia si possono osservare bene un pò tutte le montagne dell’Appennino centrale. Dalla prima cima obiettivo dell’escursione si volge lo sguardo verso sud e si individua chiaramente il Monte Corno che si raggiunge con un piacevole percorso a sali e scendi attraverso alcuni caratteristici avvallamenti denominati le “Fosse”; si attraversano la prima e la seconda (bello il boschetto sul fondo di quest’ultima) sino a portarsi sul bordo dell’ultimo avvallamento all’interno del quale è situato il piccolo rifugio Ovile e rimanendo alti sul crinale si aggira l’ampia depressione raggiungendo in breve la cima del Monte Corno, contrassegnata da un semplice ometto di pietre. Siamo su una cima che ha tutta l’aria di essere poco frequentata, sicuramente molto meno del Monte Tilia, che pure offre una buona vista d’insieme sull’intero settore nord dei Reatini ed in particolare verso la mole del Terminillo che risulta ancora più vicino. Per completare l’escursione si riprende a camminare in direzione est, prima scendendo in un'altra depressione (Prato Lupino) per poi risalire all’inizio del crinale del Collelungo dove fa bella mostra di sè la “Colonnetta 470” al centro di un pianoro: da questo punto si percorre per intero la lunga dorsale rimanendo in piano con affacci verso la vasta pianura di Rieti mentre si toccano in successione i resti (ben pochi invero) della “Colonnetta 471” e della numero 472, molto ben conservata, situata proprio in corrispondenza della cima del Collelungo.

Leggi Tutto

Monte Panico

Escursione breve, brevissima, solo 6 sono stati i Km, solo 350 i mt di dislivello eppure ci ha tenuti impegnati per cinque ore. La neve soffice, le meraviglie di un bosco magico, l’impegno per scavallare la cresta e gli immensi bellissimi panorami sulle montagne del parco, Una giornata indimenticabile.

Prati Cusano

… sulla cresta del mt Savina … l’affaccio è violento e piacevole, sulla Val d’Arano, fin sui monti della Magnola. Abbiamo superato il primo salto, ma la cresta continua a salire al limitare del bosco e non è affatto stata scoperta dal vento. Continuiamo inesorabilmente a sprofondare anche con le ciaspole…

Monte Pozzoni

Il monte Pozzoni, affascinante piccola montagna, lo sapete che la sua vetta ricade in provincia di Perugia? Strano vero? La sua dorsale è disposta da Nord Est verso Sud- Ovest, è lo spartiacque tra la media Valnerina ad Ovest, l’alta valle del Tronto ad Est e l’alta valle del Velino a Sud.